Come tagliare il vetro temperato

Come tagliare il vetro temperato

 

Il vetro temperato è un materiale indispensabile per le realizzazioni in vetro, per questo deve essere utilizzato nel modo corretto.

Per fare questo occorre conoscere la natura di questo prodotto.

Il motivo per il quale è considerato un elemento essenziale per qualsiasi schema di progettazione è che rappresenta il punto di forza fondamentale per la sicurezza.

Il corretto utilizzo del vetro temperato garantisce la sicurezza di ogni manufatto in vetro, esalta le capacità di resistenza del vetro e può persino rivelarsi utile nella realizzazione di progettazioni complicate.

A seconda delle destinazioni d’uso di ciascun manufatto in vetro è possibile selezionare il vetro più corretto per ognuna di esse. Nell’ambito di piccole progettazioni possiamo distinguere essenzialmente 3 tipologie di vetri che rispettino i criteri di sicurezza

 

  1. Stratificato: composto da due lastre di monolitico interposte da un film plastico.
  2. Temperato: vetro monolitico sottoposto al processo di tempera.
  3. Temperato e stratificato: due laste monolitiche preventivamente temperate e successivamente stratificate.

 

Di cosa parliamo in questo articolo

  • Cos’è il vetro stratificato
  • Come si ottiene il vetro temperato
  • Si può tagliare il vetro temperato
  • È appropriato tagliare il vetro temperato
  • Conclusioni

 

Cos’è il vetro stratificato

Il vetro stratificato, con interposto film plastico denominato PVB, mantiene attaccati i pezzi di vetro in caso di rottura, è adatto per le lavorazioni che prevedono un telaio di tenuta, laddove non vi sia necessita di eseguire forature e lavorazioni del vetro che rischiano di indebolire il plastico.

vetro stratificato
vetro stratificato

Come si ottiene il vetro temperato

Attraverso il processo di tempera, il vetro è sottoposto alle alte temperature e poi freddato repentinamente. In questo modo è reso più resistente e rispetta i canoni di sicurezza, perché in caso di rottura si sgretola in piccoli frammenti, simili a granelli di sale che non ledono nessuno. Molto utilizzato per tutte le realizzazioni in vetro che prevedono lavorazioni, aumenta di 4 volte la resistenza meccanica di un normale vetro float.

vetro temperato

 

 

Differenze tra vetro stratificato e vetro temperato

Il vetro stratificato è sconsigliato per realizzare porte, box doccia e altri manufatti che richiedono lavorazioni per ancoraggio degli accessori di tenuta. Come anticipato le lavorazioni rischiano di indebolire il plastico interposto e di conseguenza vanificarne la capacità di tenuta.

 

Al contrario il vetro temperato è molto utilizzato per tutte le realizzazioni in vetro che prevedono lavorazioni; oggetti in vetro che siano sottoposti allo sbalzo termico caldo freddo. Tutti i piani in vetro per tavoli da pranzo, vetri per box doccia etc. Piani da lavoro: ove sia richiesta una maggiore resistenza e di tenuta. Vetri per forni elettrici e piani cottura, a patto che non superino un grado di temperatura superiore ai 250°

 

Si può tagliare il vetro temperato

Come abbiamo visto ogni lavorazione del vetro deve essere eseguita prima di sottoporlo al processo di tempera; fori, tacche, asole e filo lucido perimetrale vanno lavorate e rifinite nel miglior modo possibile.

Successivamente il vetro può essere sottoposto alla tempera. Questo ci fa capire che qualunque altra lavorazione non potrà essere eseguita. Una volta che il vetro è stato temperato non può subire altre lavorazione, così come non può essere tagliato. La tempera è un processo che aumentato la resistenza del vetro ne altera anche la capacità di trasformazione, prima fra tutte quella del taglio.

Solo attraverso il processo inverso di ricottura che elimina gli stress del materiale comparsi durante la tempera si può ipotizzare la possibilità di lavorazione a posteriori. Il vetro però deve essere immerso totalmente in acqua a temperatura costante e poi raffreddato in un forno a temperatura ambiente.

Tutti questi passaggi comportano rischi di non riuscita, e costi molto elevati, spesso superiori a quelli da sostenere per rifare un vetro temperato da capo.

 

È appropriato tagliare il vetro temperato

 

Dopo aver compreso le funzioni del vetro temperato, e il processo che è obbligatorio eseguire per procedere a lavorazioni successive, possiamo concludere che:

è tecnicamente sbagliato affermare che il vetro temperato non si possa tagliare.

È invece economicamente corretto scoraggiare chi vorrebbe farlo per ottenere un elemento di misura diversa, tenuto conto di quanto sopra indicato.

 

Conclusione

Realizzare un pezzo nuovo della misura corretta ha un costo inferiore rispetto ai costi e ai passaggi da effettuare per ricavarlo dal vetro temperato.

Quindi affidati ad un esperto per ricevere i giusti consigli e supporto per le fasi di lavorazione; ogni lavorazione deve essere eseguita alla perfezione per evitare che lo sbaglio vanifichi il risultato finale.

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter

I precedenti post del blog di Mpglass

MpGlass Srls – Via Filippo Arena 6 – 00171 Roma . P.iva 14356551003 |
Chiama 06 87 75 2410 | WhatsApp +39 353 3486169
Iscrizione Camera di Commercio RM-1514903
Trattamento dati | Gestione Cookies | Mappa del sito